domenica 31 ottobre 2010

Oggi al cinema

Stivale





Nato da una mamma porcellum il governo italiano sta andando a puttana, il parlamento è nel casino e l'italia fa la guardona. 



Un successo planetario. Da non perdere.

Il flauto magico

E tutti i gatti miao!











Clicca sulla foto







Ortignano in Casentino, lungo la strada romanica che porta da Ortignano al castello di Fronzola, oggi rudere vetusto e degno di un recupero restaurativo.



sabato 16 ottobre 2010

Mio youtube









Firenze sogna. Libertà è partecipazione: si parla di cento incontri in cento luoghi, di manifattura tabacchi, di Isilotto e montagnola, di rapporto verde-cemento.





Visita di gruppo alla manifattura tabacchi di Firenze (zona di Piazza Puccini)


Clicca sulla foto



 





Riflessioni di un settuagenario

Clicca sulla foto



 








mercoledì 13 ottobre 2010

Titoli

Dal Corriere :
Berlusconi:  Sinistra illiberale: usa i magistrati. 
Barbabianca: destra liberale: usa i reati. 

sabato 9 ottobre 2010

Assassinati

Gianmarco, Marco, Sebastiano, Francesco





Esecutori:





Mandanti:

 Hulliburton, Carlyle, Esso, Texas Oil Company...


Con la collaborazione delle truppe coloniali NATO.

Siamo a 34 eroi caduti per la patria: disponibili ancora 3000.

Gianmarco Manca, 32 anni, di Alghero (Sassari); Marco Pedone, 23 anni di Gagliano del Capo (Lecce); Sebastiano Ville, 27 anni di Lentini (Siracusa); Francesco Vannozzi, 26 anni di Pisa. Il ferito è Luca Cornacchia, 31 anni, di Pescina (L’Aquila) il quale aveva scritto il 3 ottobre su Facebook “mi sono rotto di stare qua”.


Ritornello:
The only road to peace
U.S. out of the Middle East

Suggerimento (anche per Fassino):

Recitare in chiesa, alla veglia funebre, tutti insieme
:



"L'Italia ripudia la guerra
come strumento di offesa
alla libertà degli altri popoli
e come mezzo di risoluzione
delle controversie internazionali"


Coraggio, Luca. Anche noi ci siamo rotti di vedervi lì. E buona guarigione.

 



venerdì 8 ottobre 2010

Luciano Papini



La morte di Luciano Papini, la sento come una foglia caduta dal mio albero. Ricordi di neve, scuola di sci con i bambini, lezioni di scialpinismo...le domeniche con lo Yeti al Corno alle Scale, anni lontani così vicini.  Una bella foglia dai colori dell'autunno sul tappeto della vita che ritorna alla Natura, quella di Spinoza. Ciao Luciano.


martedì 5 ottobre 2010

Oro Ori Ior








Claudio Rendina
L'oro del Vaticano
Autore: Claudio Rendina
Titolo: L’oro del Vaticano
Editore: Newton Compton
Anno pubblicazione: 2010
Prezzo: 12,90 euro
Pagine: 288






Nel corso dei secoli, le proprietà della Santa Sede si sono accumulate fino a formare un vero e proprio tesoro. Ben lontani dallo spirito apostolico e dallo spirito di umiltà e povertà raccomandato da Cristo, i rappresentanti di Dio in terra hanno edificato una complessa amministrazione per preservare, accrescere e controllare immobili, opere d’arte, monumenti, ori e denari. Vi sono le tombe faraoniche in marmo e oro di cardinali e papi, le decorazioni inestimabili di altari e volte, le collezioni di quadri, statue e preziosi esposte nei Musei Vaticani, nel Museo Lateranense e in altre collezioni della Santa Sede, i sigilli d’oro custoditi nell’Archivio Segreto e i tesori della Biblioteca. C’è il denaro accumulato dallo Stato Pontificio dalle origini al 1870, e poi la fondazione degli istituti bancari dello IOR e dell’APSA e i capitali custoditi nelle Isole Cayman, un autentico Fort Knox fuori da ogni legge. Inoltre le prelature come l’Opus Dei, solo teoricamente autonome dalla Santa Sede, in realtà costituiscono una fonte ulteriore di ricchezza. Gli scandali, le rivelazioni e i sospetti su questo patrimonio immenso sono sotto gli occhi di tutti e alla ribalta delle cronache più recenti. Forse è arrivato il momento di fare i conti in tasca al Vaticano.






Qui puoi leggere le prime 30 pagine



Dalla premessa del libro:




Oro come denaro. Oro come proprietà immobiliare e territoriale. Oro come fasto di opere d’arte. Oro come proprietà del Vaticano che costituiscono un vero e proprio tesoro. È il frutto del modo in cui è stata amministrata la Santa Sede la cui degenerazione ha provocato un allontanamento dallo spirito umile e povero raccomandato da Cristo e favorito l’impiego di certe ricchezze in campi ben lontani dallo spirito apostolico. La gestione di questo patrimonio fa capo ad apposite commissioni cardinalizie con l’assistenza di finanzieri laici, e il denaro è custodito negli istituti bancari dello IOR e dell’Apsa, con depositi sotterranei di oro e diramazioni nelle casseforti delle Isole Cayman: un autentico Fort Knox fuori da ogni legge.