mercoledì 6 agosto 2003

La battaglia di Campaldino vista dalle sorelle Noyes


Il Casentino tra poesia e storia


Itinerario dantesco


cap. quarto

La battaglia di Campaldino

The battle of Campaldino

as seen by Ella Noyes

Noyes, Ella. The Casentino and Its Story. ill. Dora Noyes. London, New York: E. P.

Dutton & Co, 1905


As you near the town by the high road from Pratovecchio you pass by the old

Franciscan church and monastery of Certomondo.

The church and monastery, which is now suppressed, were founded for the Friars Minor

by Guido Novello and Simone di Battifolle in 1262 in thanksgiving for the Ghibelline

victory of Montaperti, and were by a strange coincidence destined to be the scene of

a battle in which the fortunes of Montaperti were completely reversed. For the

peacefulleve1 of vineyards and fie1ds which stretches round Certomondo, beneath the

walls of Poppi, is one of the graveyards of history. It is the famous fie1d of

Campaldino, where Guelfs and Ghibellines met in deadly combat on June 11th, the day

of St. Barnabas, 1289. The story of this great .day has been related at length by

the FIorentine chroniclers. A great host of Florentines and armed men from the allied cities of Tuscany, commanded by Messer Amerigo di Narbona, had descended into the

Valley over the mountain of the Consuma, and had laid waste all the lands of Count

Guido Novello, then Podestà of Arezzo. Hearing of their coming, the valiant Bishop

of Arezzo, Guglielmino degli Ubertini, had gathered together his forces, and

supported by the Guidi, and by Buonconte da Montefeltro and the flower of the

Ghibelline chivalry of Italy, had come forth to meet them. On coming into sight of

each other beneath Poppi both armies drew up in order of battle, with the feditori

(those appointed to make the first attack) ranged in the front rank. These chosen

warriors were led on the FIorentine side by Messer Vieri de' Cerchi, who with his

sons and kinsmen had elected to occupy this post of danger; and numbered among them

was the young Dante Alighieri, as he himself relates in a letter cited by his

biographer Leonardo Bruni. The Aretini, 'who numbered only 800 horsemen to the 1600

of the opposing army, and 8000 foot soldiers against 10,000, nevertheless laughed

their plebeian foes to scorn, and their feditori rushed upon the Guelf host with

such; impetuosity that in the shock most of the FIorentine horsemen were unseated,

and their whole army recoiled. But recovering themselves they stood firm again and a

fierce struggle followed. The FIorentine' arrows rained upon the adventurous Aretini

land the air grew dark with clouds of dust, and great numbers were slain in the

melée. Many that day who were esteemed to be of great prowess did cowardly, and

many of whom none spoke won great repute," says the chronicler Dino Compagni. Corso

Donati, at the head of a band which he had held in reserve, felI upon the flank of

the Ghibellines, who began to give way. Seeing this, Guido Novello, who had kept

aloof from the strife, vilely abandoned his allies, and belying all his great

repute for va16ur, fled with his people into his castle of Poppi,and there, in base

inaction, awaited his inevitable fate. And in the end the Aretini were completely

routed by the greater numbers of their

enemy, and put to flight and slain. Bishop Guglielmino, who according to Villani had

been plotting against his own friends and knew that his life was

. not safe from their vengeance if he survived, put spurs to his horse, and rushing

into the thickest crowd of the foe, fell by the hand of a common soldier. His body

is said to have been laid in a wayside chapel, from which it was uprooted later by

the vindictive order of Florence, and was carried away by the pious friars of

Certomondo in the secrecy of the night to bury within their precincts.

More famous is the fate of Buonconte da Montefeltro, the splendid young

Ghibelline chief who lay at the time of the battle under the papal curse. He fled

from the field with a mortaI hurt and was never seen again. But the mystery of his

end dwelt in the mind of one present on that day, and in the Antepurgatorio of his

Vision the poet finds the lost warrior again among the late repentant who have died

in contumacy against the Church. Unsped by the prayer of wife or kin, he is wearing

out the thirty times multiplied length of the years which he spent rebellious on

earth before he is admitted to purgation. Thus he reveals himself and tells his tale

to Dante:

'' I was of Montefeltro, I am Buonconte; Giovanna, or any other, hath no care for

me; wherefore I go among these, with downcast brow."

And I to him: "What violence or what chance made thee stray so far from Campaldino,

that thy burial-place ne'er was known?

" Oh," answered he, "at Casentino's foot a stream crosses, which is named Archiano,

and rises in the Apennines above the Hermitage.

There where its name is lost, did I. arrive, pierced in the throat,

flying on foot, and bloodying the plain.

There lost I vision, and ended my words upon the name of Mary ;

and there fell I, and my flesh alone was left.

I will speak sooth, and do thou re-speak it among the living: the

angel of God rook me and one from Hell cried: 'O thou from Heaven, wherefore robbest thou me?

Thou bearest hence the eternal part of this man, for one little tear

that snatches him from me; but with the other will I deal in other fashion.'

Thou knowest how in the air that damp vapour gathers, which

turns again to water soon as it ascends where the cold condenses it.

He united that evil will, which seeks ill only, with intellect, and stirred the mist and wind by the power which his nature gave.

Then when day was spent, he covered the valley from Pratomagno to the great mountain chain with mist, and the sky above

made lowering.

So that the saturated air was turned to water: the rain fell, and to the water-rills carne what of it the earth endured not ;

And as it united into great torrents, so swiftly it rushed towards the royal stream, that naught held it back.

My frozen body at its mouth the raging Archian found, and swept it into the Arno, and loosed the cross on my breast,

Which I made of me when pain o'ercame me: it rolled me along its banks and over its bed, then covered and wrapped me with its spoils."-

(Purgatorio, C. v., vv. 88-135, TempIe C!assics Ed.)

These verses remain the most poignant and most enduring memorial of Campaldino;

rounding the awful human tragedy of the day with the terror of the mountains and the

floods-with the overwhelming power of those mysteriously moved- forces of Nature

amid which his little torch of faith is man's only safety. And the littleness of it

in time, the quick recurrence of the green springing years bringing ,new hope and

life to those left behind on earth, is told in' that saddest word of the forgotten

spirit: "Giovanna, o altri, non ha di me cura."

Il Casentino e la sua storia, Fruska ed.

pgg 121-125

Quando ci si avvicina alla città, per la strada maestra che viene da Pratovecchio,

si passa a fianco della vecchia chiesa francescana ed al convento di Certomondo.

La chiesa ed il monastero, ora soppresso, furono fondati da Guido Novello e da

Simone di Battifolle nel 1262, per i Frati Minori, in ringraziamento per la vittoria

dei Ghibellini a Montaperti, ed erano, per una strana coincidenza, destinati a

divenire la scena della battaglia in cui le sorti di Montaperti furono completamente

rovesciate: la pacifica estensione di campi e vIgneti che si allarga intorno a

Certomondo, fin sotto le mura di Poppi, è infatti uno dei cimiteri della Storia. E'

la famosa Piana di Campaldino dove i Guelfi e i Ghibellini si scontrarono in un

combattimento mortale 1'11 giugno, giorno di San Barnaba, del 1289. La storia di

questo gran giorno è stata narrata dettagliatamente dai cronisti fiorentini. Un

grande esercito di Fiorentini ed altri armati delle città della Toscana alleate a

Firenze, comandati da Messer Amerigo di Narbona, erano calati nella Vallata

attraverso i monti della Consuma ed avevano devastato tutte le terre del Conte Guido

Novello, allora Podestà di Arezzo. Saputo della loro venuta, il valoroso Vescovo di

Arezzo, Guglielmino degli Ubertini, aveva radunato le sue forze e, sostenuto dal

Conte Guidi, da Buonconte da Montefeltro e dal fiore della cavalleria ghibellina

d'Italia, s'era mosso per incontrarli. I due eserciti, avvistatisi sotto Poppi, si

schierarono in ordine di battaglia con i {editori (le truppe di primo assalto)

disposti in prima linea. Questi combattenti scelti erano per i Fiorentini, al

comando di Messer Vieri de' Cerchi che, con i suoi figli e parenti, aveva scelta la

posizione di maggior pericolo; fra i feditori Fiorentini si trovava il giovane Dante

Alighieri, come egli stesso racconta in una lettera citata dal suo biografo Leonardo

Bruni. Gli Aretini, disponevano di solo 800 cavalieri, contro i 1600 del nemico e di

8000 fanti contro 10000, nonostante ciò si dettero ad insultare e a deridere i

nemici, i loro feditori si gettarono con tale impeto sullo schieramento guelfo che

nell'urto molti cavalieri fiorentini furono disarcionati e l'intero esercito

indietreggiò. I Guelfi si ripresero e fecero fronte ai Ghibellini. Si accese una

lotta feroce: le frecce fiorentine grandinavano sugli intrepidi aretini, l'aria si

fece scura per le nuvole di polvere e un gran numero di combattenti rimase ucciso

nella mischia. "Molti quel dì, che erano stimati di gran prodezza, furono vili, e

molti di cui non si parlava, furono stimati", dice il cronista Dino Compagni. Corso

Donati, alla testa di un gruppo, che aveva tenuto di riserva, piombò sul fianco dei

Ghibellini, che cominciarono a cedere. Vedendo quello che accadeva Guido Novello,

che si era tenuto fuori dalla mischia, abbandonò vilmente i suoi alleati e,

smentendo la sua fama di valoroso, fuggì con i suoi dentro il castello di Poppi e

qui, da inetto, attese il suo inevitabile destino. Alla fine gli Aretini furono

completamente disfatti dal soverchio numero dei nemici, messi in fuga e sterminati.

Il Vescovo Guglielmino, che, secondo il Villani, aveva complottato contro i suoi

stessi amici e che temeva la loro vendetta se fosse sopravvissuto, diè di sprone al

suo cavallo, si gettò dov'era più fitto il '!I nemico e fu ucciso da un fante

fiorentino. Si dice che il suo corpo fu sotterrato in una cappella lungo la strada,

da dove fu dissepolto per ordine della vendicativa Firenze, ma poi, con il favore

delle tenebre, fu portato via dai frati di Certomondo, che lo seppellirono entro il

recinto del convento. Più famosa è la fine di Buonconte da Montefeltro, lo splendido

giovane capo ghibellino, che era sotto l'anatema papale al tempo della battaglia.

Fuggì dal campo, mortalmente ferito, e non fu più visto. Ma il mistero della sua

fine rimase nella memoria di uno che era presente quel giorno e nell'Antipurgatorio

della sua Visione incontrerà ancora il guerriero disperso, fra i pentiti in punto

di morte e in disobbedienza colla Chiesa.

Senza il suffragio delle preghiere della

moglie e dei parenti, dovrà attendere un numero di anni trenta volte superiore a

quello che spese in disobbedienza alla Chiesa, prima di èssere ammesso al

Purgatorio. Così egli si svela a Dante e gli narra di sè:

" lo fui di Montefeltro, io son Buonconte ;

Giovanna, o altri, non ha di me cura:

per ch' io vo tra costor con bassa fronte."

Ed io a lui:." Qual forza o qual ventura

ti traviò sì fuor di Campaldino

che non si seppe mai tua sepoltura?"

" Oh," rispos' egli, "a piè del Casentino

traversa un' acqua che ha nome 1'Archiano,

che sopra l'Ermo nasce in Apennino.

Dove il vocabol suo diventa vano

arriva' io forato nella gola,

fuggendo a piede e sanguinando il piano.

Quivi perdei la vista, e la parola

nel nome di Maria finii; e quivi

caddi, e rimase la mia carne sola.

lo dirò il vero, e tu il ridi' tra i vivi;

l'angel di Dio mi prese, e quel d'inferno gridava:

' O tu del ciel, perchè mi privi?

Tu te ne porti di costui l'eterno

per una lagrimetta che il mi toglie;

ma io farò dell' altro altro governo.'

Ben sai come nell' aere si raccoglie

quell' umido vapor, che in acqua riede

tosto che sale dove il freddo il coglie.

Giunse quel mal voler, che pur mal chiede,

con l'intelletto, e mosse il fummo e il vento

per la virtù, che sua natura diede.

Indi la valle, come il dì fu spento,

da Pratomagno al gran giogo coperse

di nebbia, e il ciel di sopra fece intento

sì che il pregno aere in acqua si converse:

la pioggia cadde, ed ai fossati venne

di lei 'ciò che la terra non sofferse

e come a' rivi grandi si convenne

ver’ lo fiume real tanto veloce

si ruinò, che nulla la ritenne.

Lo corpo mio gelato in su la foce

trovò l' Archian rubesto e quel sospinse

nell' Arno, e sciolse al mio petto la croce,

ch' io fei di me quando il dolor mi vinse;

voltommi per le ripe e per lo fondo,

poi di sua preda mi coperse e cinse."

(Purgatorio, C. v., vv. 88-135, TempIe C!assics Ed)

Questi versi restano la più intensa e duratura memoria di Campaldino. Alla terribile

tragedia umana di quel giorno fanno corona il terrore delle montagne e la piena dei

fiumi, con la irresistibile potenza delle forze della Natura, mosse misteriosamente,

in mezzo alle quali l'unica salvezza dell'uomo è la piccola torcia della sua fede.

Come tutto ciò sia poca cosa nello scorrere del tempo, come il ripido succedersi

degli anni giovanili porti nuove speranze e nuova vita a coloro che sono rimasti

sulla terra, è detto con queste tristi parole dello spirito dimenticato: Giovanna, o altri, non ha di me cura.

Nessun commento:

Posta un commento